I volti e le storie dei napoletani

Cogliere in una città dalle mille sfaccettature sociali la realtà “effettuale” tramite i volti della gente, racchiusi in uno scatto fotografico arricchito con un personale commento dei soggetti ritratti: è questo l’obiettivo del progetto – primo a Napoli nel suo genere, tanto da ispirare altri a volerlo emulare – lanciato da Vincenzo De Simone con il patrocinio del Comune di Napoli, del Comune di San Giorgio a Cremano, dell’Assessorato all’Assistenza Sociale della Regione Campania e del Consiglio Regionale della Campania.          
Il progetto nasce sulla scia di un format di successo già ideato per la città di New York (Humans of New York) da Brandon Stanton e seguito fino ad oggi da oltre 18 milioni di internauti, con l’obiettivo di importare in una realtà sociale e culturale così variegata, come quella di Napoli, un sistema di osservazione della realtà che risulta molto utile ai fini della ricerca psicosociale.

Progetto patrocinato da

Psicologo
e fotografo

Vincenzo De Simone

Vincenzo De Simone, psicologo e fotografo partenopeo, nasce il 31 luglio 1991 a Massa di Somma e vive a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli. Nel 2015 si laurea in Psicologia: Risorse umane, ergonomia cognitiva, neuroscienze cognitive all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, attestandosi come “laureato eccellente”. Dal 2016 è fotografo certificato Street View del programma Local Guides di Google
Già protagonista di numerose esposizioni, fonda il progetto fotografico La gente di Napoli – Humans of Naples, con il quale raccoglie oltre 900 ritratti che diverranno campione di studio per l’omonima indagine psicosociale. L’iniziativa vanta la partecipazione di molteplici personaggi dell’arte, dello spettacolo e della cultura italiana nonché mostre fotografiche al Castel dell’Ovo, al PAN Palazzo delle Arti Napoli e altre location. I volti raccolti diventano occasione per la pubblicazione del libro fotografico, al cui interno è riassunta parte della ricerca scientifica, e del documentario che vuole rafforzare e rilanciare l’immagine della città di Napoli sullo scenario internazionale.      

Vincenzo De Simone psicologo fotografo La gente di Napoli Humans of Naples

Dicono di noi

C'è qualcosa in comune tra Napoli e New York, o almeno così pensava Andy Warhol quando, invitato dal gallerista Lucio Amelio, venne in città e dipinse la sua versione pop del vedutismo napoletano, Vesuvius (1985). Decenni dopo, il progetto di fotografia sociale di Vincenzo De Simone @lagentedinapoli (15mila follower, ha già un suo sito, un libro e un documentario) è ispirato non a caso al format @humansofny che fotografa le storie di cittadini newyorkesi: oltre a raccogliere volti, accompagnati dai commenti personali delle persone immortalate, il progetto mira a fare networking territoriale. << Se non c'è amore, non solo inaridisce la vita delle persone, ma anche quella delle città >> scrive Elena Ferrante, a cui si deve la rinascita estetica e culturale partenopea della città, così come il rinnovato interesse internazionale per "la gente di Napoli".
pngegg
Vogue Italia
Napoli su Instagram, i 15 migliori profili che raccontano la città, da Serena Rossi a La gente di Napoli: volti in primo piano, pensieri e sentimenti si rincorrono negli scatti di Vincenzo De Simone. L'obiettivo è quello di rafforzare e rilanciare l’immagine della città attraverso gli occhi e le parole di chi la vive, soprattutto attraverso i volti di chi decide di restare o di chi è stato costretto a lasciarla.
Repubblica
Un mosaico di pensieri liberi su cosa significhi vivere a Napoli, su perchè si resta o sul perchè si va via. Senza censure, la verità così come è emersa tra la percezione della bellezza e la denuncia dei tratti negativi. Un affresco di parole e sembianze, non solo di comuni passanti ma anche di turisti.
Il Denaro
Napoli sullo stesso parallelo di New York anche per i volti e le voci che la abitano. Ad essere protagonista è il popolo partenopeo, coinvolto direttamente: un evento «in progress» per scoprire che i cittadini amano Napoli molto più di quanto si creda.
Corriere del Mezzogiorno
Emozioni e sensazioni in uno scatto: un percorso artistico e sociologico del cuore pulsante di una città in cui ognuno, nel bene e nel male, è parte corale di una vasta e sempre affascinante rappresentazione della realtà sociologica napoletana.
Tg3 Campania
Nei murales realizzati da Jorit sono “nascoste” delle scritte, parole e frasi che spesso ampliano il significato delle opere. Sono state raccolte per la prima volta da Vincenzo De Simone, psicologo e fotografo partenopeo, nell’ambito del progetto La gente di Napoli.
Jorit
0

Likes

0

Followers

0

volti raccolti

0

articoli pubblicati