I messaggi nascosti nei murales di Jorit

Nei famosi murales di Jorit sono nascosti dei messaggi, parole e frasi che ne ampliano il significato: nomi di persone del luogo, testimonianze e motti rivoluzionari celati sapientemente dall’artista alla luce del Sole, aiutato spesso dai componenti della sua crew, Tukios e Calaveras.
Alcuni tra i messaggi nascosti più significativi sono: «Hasta siempre» nel murale di Diego Armando Maradona, «Tagliateci la testa col machete» e «Meglio sparare che sparire» nel murale di Ernesto Che Guevara, «Le vele urlano! » e «Scampia chiede lavoro» nel murale di Pier Paolo Pasolini e «Socialismo o barbarie? » in quello di Salvador Allende.

I messaggi sono nascosti ovunque sul volto ma quelli più importanti si trovano negli occhi, dove le persone inizialmente indirizzano il loro sguardo, creando empatia con il soggetto.
Si tratta di scritte difficili da notare perché hanno tonalità di colore molto simili allo sfondo del murale e quindi non sono visibili né ad occhi nudi né con teleobiettivi e droni; questo accade soprattutto perché spesso dipinte in modo non lineare, oblique o a zig zag.


I messaggi che ho trovato erano lì da sempre, in attesa di essere scoperti. È stato durante la postproduzione di alcune foto che ho cominciato a notare degli strani segni sui murales: con non poche difficoltà ho scoperto che erano parole e/o frasi estremamente importanti per capire il significato dell’opera.

Incuriosito, ho iniziato a fotografare ad uno ad uno tutti i murales realizzati creando così il primo archivio fotografico al mondo di murales e messaggi nascosti di Jorit.

Una volta ultimato, decido di parlarne con l’artista che mi spiega da cosa essi nascano. Incredulo, non credeva che qualcuno potesse raccoglierli e nemmeno era in grado di ricordarli tutti. I messaggi erano quasi frutto di un gioco, nati com’erano per impiegare il tempo. I nomi delle persone presenti tra questi derivavano molto spesso dalle interazioni con le persone del luogo che Jorit incontra e simboleggiano quindi il legame speciale che l’artista arriva a stringere con queste ultime. Talvolta però da queste interazioni nascono anche nuove suggestioni che Jorit decide di trascrivere nei murales.

Nel 2018 dopo aver pubblicato per la prima volta la notizia, con grande interesse dei media, diventa immediatamente virale e giunge con sorpresa oltre i confini nazionali.

I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Gennaro)
Gennaro
Tutti maro
Vinicio Capossela
Vinicio Capossela
1984 – Fuck da police

Nel 1984 il gruppo gangsta rap stanunitense N.W.A. aveva infatti pubblicato la canzone di protesta “Fuck tha Police” contro la violenza della polizia.
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Maradona)
Diego Armando Maradona
Hasta siempre

Maradona è stato un grande ammiratore di Che Guevara tanto da tatuarsi sul braccio destro il volto del medico e rivoluzionario argentino.
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Niccolo' e Maradona)
Niccolo’
Patan – Enrico – Voglio vivere – Carmine saltot – Pasquale – Tomas – Antonio – Alfredo Sanone – Stato sociale. Assieme a questi sono presenti anche: Tukios 2018 – Jorit 2018 

Alcuni ragazzi sono saliti sul ponte auto-sollevante e ognuno ha scritto il proprio nome.
Alberada e Boemondo
Alberada e Boemondo
Radio
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Occhi Pianura)
Occhi
Rione Traiano – Carabiniere – 16 – Cuore – Carabinieri – È colpa mia – Pena di morte – Davide e Carabiniere – Manette – Rione popolare – Me la sono andata a cercare – Criminale – Pistola – Pallone – Benpensanti – Persona con sparo

I messaggi nascosti di Jorit, oltre ad essere visibili sul murale di Davide, trovano voce in un video pubblicato sui social attraverso i ragazzi dell’Associazione C.T.G. Turmed che raccontano la storia di Davide Bifolco: “Mi chiamo Davide, ho 16 anni, sono cresciuto nel Rione Traiano a Napoli. Per l’italiano medio sono un criminale, un poco di buono o comunque è colpa mia. Per i benpensanti vi sta bene, anzi oltre al cuore avrei meritato anche una pallottola anche in testa. Sì avete ragione eravamo in tre su un solo motorino. Non ci siamo fermati all’alt dei carabinieri ma non sapevo che per questo ci fosse la pena di morte. Volevo giocare a pallone, perché mi hai ammazzato? Sono Davide, un ragazzo come altri.”
Su uno dei murales c’è un ulteriore messaggio: Riot
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Che Guevara)
Ernesto “Che” Guevara
Sulla facciata sinistra, in particolare nell’occhio di Che Guevara, sono presenti due messaggi: Ora rivoluzione – Tagliateci la testa col machete

Sulla facciata destra: Rockstar – Hasta siempre – Meglio fuori che dentro schiavo – Fate l’amore non fate shopping – Gloria eterna Che – Lotta di classe – Rivoluzione – Aiutati che se aspetti a Dio… – Dammi rispetto e amore – In prima linea – Meglio sparare che sparire – Soldi – Dammi la forza – Basta promesse basta paure – Noi insieme – Gioia e rivoluzione è garantito l’acquazzone – Jorit era qui 2018 – Enzo! – Io esisto! – Noi siamo il futuro! – Io non sono nella storia, io sono la storia – Insorgi ora! – Spara – Molotov Facebook – Insurgencia – No darmi cose dammi te stessa – Fuori i rivoluzionari dalle galere – Pagherete caro pagherete tutto

Nelson Mandela
Lotta ora – 100 (per ricordare il centenario della nascita di Nelson Mandela)

I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Pier Paolo Pasolini)
Pier Paolo Pasolini
Jorit era qui 2019 – Lavoro – Jorit ci ha protato – Rivoluzione – Ora – Guerra no guerriglia – Sok – Lavoro – Le vele urlano! – Viva lo zio – Francia 2018 – Pierpaolo uno di noi – Viva la rivoluzione – Vittorio Passeggio – Cerullo – Scampia chiede lavoro – Lotta di classe – One – (ario – (no – (cesco – Riot – Gioia e rivoluzione – Ama ora – Se dai tutto non avrai rimorsi – Vittorio passeggio – Sha – Nei secoli – L’uomo con il megafono – Diritto alla casa – Anna – Maria (Attiviste di “Donne in cantiere”).

Alcune parole sono troncate (come ad esempio “cesco”). Sul murale di Angela Davis si troverà la seconda parte (“Fran”).
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Angela Davis)
Angela Davis
Totonno – Enzo o corean – Francesco T. – Tina – Alessia – Giuseppe – B.a.l. – Classe Operaia – Gian – Lina – Antonella Valentina – B.A.L. – Mara – Sefora – Diego3 – Federica – Mario – Pasquale – Cate – Tukios – Pietro – Riot – Tri – Ciro – Federica – Mario – Arafat (nel 1973 Angela ha incontrato Yasir Arafat) – Oggi può essere il giorno
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Antonio Cardarelli)
Antonio Cardarelli
Jorit – Il lavoro nobilita l’uomo – Diritto alla salute – Nessuna speculazione sulla salute – Rivoluzione – Onore a chi lotta – Diritto sulla salute – Viva il SSN (Servizio sanitario nazionale)
Thomas Sakara e Kukaa - Palma Campania
Thomas Sankara e Kukaa
Palma – Guai a prendere in giro il popolo – Jorit il cornuto! – Si o kiu fott – 30 piani – Speranza – Blaise Compaoré traditore del popolo – La terra degli uomini integri – Drago (assieme ad una piccola raffigurazione) – Pask si l’ansia (X) – Si No (racchiuse da quadratini come se fosse a scelta multipla) Rispunn – La rivoluzione è un fiore – Marilena Nappi (professoressa e direttrice del Gruppo Archeologico Terra di Palma recentemente scomparsa) – Rivoluzione – Vicienz o’nir – Pierino – Francesco! – Michele – Daniel – Ge.Cat. – Pepp rit rutt – Marika – Aurora – Giorgio – Giuseppe – Simo – Roby – Felice – Marcella – Rina – Diego – Gaetano – C. Angel – Noemi – Rashea – Isa -Luca – Michelina – Martina – Ivan – Maria – Sebastian – Cinzia – Sonia – Anjum – Carmine – Vittoria – Vincenzo – Luigi – Delia – Elvira – Sharon – Sammy
I messaggi nascosti nei murales di Jorit (Centro Direzionale)
Patrizio Oliva, Nando De Napoli, Carmelo Imbriani, Antonietta De Martino, Nando Gentile
È il murale che contiene più messaggi nascosti in assoluto, più di 500 i nomi dei follower che Jorit ha raccolto sui social: Un saluto ai carcerati – Ubriaco di bellezza cerco riparo nei porti sicuri dei tuoi oceani – Imbriani non mollare – Ora in questa stanza tutto odora di te che hai perso ogni pudore e hai in serbo la tempesta – Jorit & Anna – Il mio sguardo segue mirando la linea curva dell’orizzonte dove il blu del mare si perde nel vuoto…la vita si assomiglia al mio animo A.S. – Ora che le mura del mio castello sono state spazzate via, mi guardo intorno e non provo sgomento…prima di riprendere il cammino – Notte di San Lorenzo, lì dove il buio è profondo e tutto introno a me è quiete. Il cielo infinito s’immerge in me, l’urlo soffocato di chi è solo – Assunta sono con te <3 – Corrado la mattina! – simbolo di una spunta verde – Archinlab – La gente di Napoli
Le poesie sono state scritte dall’Avvocato Alessandro Senatore.

Jurij Gagarin 
Una raccolta di nomi dei suoi follower raccolti sui social e Stalingrado

Ama il tuo sogno
Jorit e i nomi dei ragazzi che hanno dipinto assieme a lui

Valentina
Valentina Tereškova
I messaggi nascosti di Jorit spesso non sono solo testuali. Nell’occhio sinistro è presente una galassia di pianeti e meteore mentre in quello destro c’è il volto dell’astronauta e la sigla CCCP, sigla cirillica, traslitterata SSSR, che sta per Sojuz Sovietskich Socialističeskich Respublik (Сою́з Сове́тских Социалисти́ческих Респу́блик), in italiano Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS).
Ospedala Maria Pozzuoli
Maria
Chi non lavora non fa l’amore
Murale Sibilla Cumana - Bacoli
Sibilla Cumana
SSN (Servizio sanitario nazionale) – Josi (Sindaco di Bacoli) – Ercole

Ercole dopo le dodici fatiche fa riposare i buoi sottratti a Gerione (decima fatica) qui a Bacoli, antica Bauli, dal latino “boaulia” che significa stalla.
Nel libro VI dell’Eneide, Enea si reca a Cuma per chiedere alla Sibilla di accompagnarlo nel Regno dei morti, la cosiddetta catabasi infernale. Nell’occhio destro è possibile notare una delle sue anime.
Murale di Muhammad Alì - Barra
Muhammad Alì
Auguri Repubblica! (30° anniversario di Repubblica Napoli)
Murale di Nino D'Angelo - San Pietro a Patierno
Nino D’Angelo
Jorit ha scritto i nomi di chi aveva ricevuto più Like ad un commento/citazione di Nino D’Angelo alla notizia del murale: Maria – Carmine Errico – Pardo – Luma Scuro – Enzo – Falco – Shaana – Tatvitale – Luigi B – Mariomj98 – Taff – Luigi – Gaetano – Mario. Assieme a questi è presente anche “Tukios”.
Altri messaggi nascosti sono ricordi della vita di Nino D’Angelo: Emilia – Baffotto – Pizzo casale – Palazzo e pitone – Scarpariello – Semmenzella – Bancariello – Aquino – Pup(a)tell (bambolina) – Carrocciole (gioco, tavola con quattro ruote e manubrio)

Nino D’Angelo, figlio di Emilia Castellano, detta ‘a Casoria, e Antonio D’Angelo, detto Totonno ‘o Baffotto. Suo padre era uno scarpariello, ovvero un calzolaio, e con la famiglia abitava nel quartiere delle botteghe degli scarpari di ‘OPizzo Casale (attuale Via Francesco Agello) che possedeva un bancariello. La casa (al numero 89) oggi non esiste, probabilmente a causa della caduta di un aereo durante la guerra.
La statura minuta gli vale il soprannome di “semmenziella”, un piccolo chiodo per fissare le suole delle scarpe.
Murale di Salvador Allende - Barra
Salvador Allende
Tukios, Alice, ваЛентИна (Valentina), Socialismo o barbarie?

Verso la città futura
“1921” (fondazione del Partito Comunista Italiano) nell’occhio sinistro, “Potere ai lavoratori” in quello destro.

Fantasia
Nell’occhio sinistro troviamo Ahed Tamimi e 2018

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.